“The Walking Dead 5”: Scott M. Gimple anticipa la verità sulla gente del Terminus e la strada da percorrere

L’attesissima quinta stagione di “The Walking Dead” ha preso il via e subito non è mancata l’azione da parte dei sopravvissuti per sfuggire al Terminus.

[Attenzione agli SPOILER] Rick, Daryl, Bob e Glen vengono portati fuori dal vagone treno solo per assistere ad un triste destino di taglio della gola, ma per un soffio, grazie a un diversivo (esplosione) creato da Carol che scatena i camminatori all’interno del Terminus, riescono a salvarsi e fuggire assieme a tutti gli altri.

Sorpresi? Beh, secondo il produttore esecutivo Scott M. Gimple, il gruppo non avrebbe avuto in alcun caso un soggiorno prolungato al Terminus.La gente magari si aspettava che loro rimanessero lì per molto tempo, così ho optato per l’inaspettato. Volevamo avere questo molto teso, profondo momento al Terminus piuttosto che una storia lunga. Abbiamo voluto gettare il pubblico nella stagione e sono entusiasta di averlo fatto in questo modo”.

Tuttavia, l’episodio ha fornito alcune risposte su come Gareth e i suoi compagni del Terminus sono divenuti dei… cannibali (sì, è questo che sono). Grazia a un paio di flashback chiave e una conversazione tesa tra Mary e Carol al Terminus, abbiamo appreso che il posto era un tempo davvero un santuario. Ma in seguito ad attacchi brutali subiti da Gareth & Co. (hanno passato anche loro del tempo rinchiusi in un vagone) hanno adottato il motto “o sei il macellaio o sei il bestiame”.

Per tutta l’estate, Gimple e Robert Kirman hanno trascorso l’estate evitando le domanda circa il cannibalismo, l’EP spiega: “è importante per me mischiare un po’ le cose. Sorprendiamo i lettori del fumetto remixando ciò che sta lì e talvolta raccontiamo le storie i modo diverso, il Terminus poteva includere molte storie” dice. “È eccitante prendere il lavoro di Robert e trovare il modo di inserirci altre trame. Penso che lo rende più interessante per chi ha familiarità col fumetto, ma ci permette anche forse di aumentare quei momento molto amati del fumetto in modo tale che colpiscano ancora di più”.

Ma la parte più importante della trama del Terminus restano quei flashback, in particolare in vista di ciò che potrebbero suggerire per i nostri eroi. “È stato importante per me mostrare ciò, per una serie di motivi com’è nata la storia del Terminus, cosa è successo, il modo in cui è sempre stata una trappola, come quel luogo ha cambiato le persone. Questo potrebbe accadere ora anche ai nostri sopravvissuti. C’è forse un ciclo in corso”.

Infatti, Rick ha adottato il pensiero “uccidi chiunque si trovi sulla strada” dal tentato stupro del figlio Carl. Ma Gimple, suggerisce che Grimes ha perso del tutto la sua umanità. “La fine lo scorso anno ha davvero catturato ciò che volevamo raggiungere. Per proteggere Carl, Daryl e Michonne, [Rick] morde il collo di un altro uomo. Ma la mattina seguente, era ancora coperto del sangue di quell’uomo ed era davvero molto vulnerabile, ha detto a Daryl di essere suo fratello. Il fatto è: il suo personaggio si preoccupa davvero tanto per queste persone e ciò che è capace di fare per loro a volte spaventa e potrebbero causargli alcuni problemi”.

Rick sembra essersi un po’ addolcito quando si è riunito con Carol, Tyrese e la figlia Judith, ma ovviamente questa routine familiare non potrà durare per sempre, specialmente quando il gruppo comincia a discutere della voce circa Washington, dove Abraham e Eugene credono di poter trovare la cura per l’apocalisse di zombi.

DC è certamente un elemento importante per la nostra storia nonché potenziale fonte di conflitti, nel senso, Rick è davvero nello stato mentale di andare a Washington? E se non lo fosse, cosa ne verrà fuori?” dice l’EP.

Ma non saranno solo i nuovi arrivati del gruppo ad avere problemi con Rick questa stagione. In realtà, Gimple dice che tutti i sopravvissuti sono stati cambiati dalle loro esperienza al Terminus. “Non si conoscono più l’un l’altro. Non sono sempre sulla medesima pagina. Non hanno vissuti tutti le stesse esperienze. Ci saranno degli aspetti positivi e degli aspetti negativi che verranno fuori”.

C’è un sacco di lavoro incompiuto tra Rick e Carol, tra Rick e Tara” continua Gimple. “L’ultima volta che si sono visti erano dai lati opposti della recinzione. Tanti sono gli affari da sbrigare per queste due persone, ci sono conflitti in sospesi. Arriveremo a questi punti della storia piuttosto in fretta. Non sono persone che cercano delle scappatoie”.   [TV Guide]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...