“TVD” post finale: Julie Plec sull’aldilà, la morte di [spoiler], la menzione di The Originals e non solo

L’esatta definizione di “morte” è cambiata nel corso di otto stagioni di The Vampire Diaries e nel finale di serie in onda oltreoceano ieri sera, ha assunto un ulteriore significato.

[Contiene SPOILER] Come avrete appreso guardando l’episodio, la grande morte che ci era stata anticipata nelle settimana scorse era quella di Stefan Salvatore, il quale si è sacrificato per far tornare Katherine all’inferno e salvare Mystic Falls.

Qui di seguito la produttrice esecutiva Julie Plec spiega il processo dietro la morte di Stefan, cosa paradiso (o “pace”) significhi nel mondo di The Vampire Diaries e menziona la possibilità che ancora altre storie possano essere raccontate.

Perché qualcuno doveva morire? | “È una lezione che ho imparato presto da Kevin Williamson; questo genere di storie devono avere come posta in gioco la questione di vita o di morte, e nessuno crederà a tale pericolo di morte se non muore effettivamente qualcuno. È una lezione dalla quale mi sono presa delle libertà nel corso degli anni – anche in questo finale, dal momento che vediamo [Stefan] in pace dopo la sua morte ma è veritiero quando compi grandi mosse, porti i personaggi a chiudere il cerchio e trovi una chiusura per tutti. Le chiusure arrivano tanto nel dire addio che nell’andare avanti. È stato necessario”.

Per questa ragione – dice Plec – Stefan era il primo nome sulla lista nonostante si fosse appena sposato con Caroline. “Pensavamo fosse tanto crudele, ma quando siamo giunti all’idea che Caroline aveva bisogno di lasciarlo indietro per proteggere la sua famiglia e che lui doveva lasciare lei indietro per proteggere la sua” il sacrificio di Stefan “è stato in qualche modo l’esito responsabile di un rapporto responsabile”.

Quel clima “celestiale” alla fine | O “pace” come viene definito dall’EP. “Anche se quest’anno lo abbiamo chiamato “Inferno” per me, è sempre stato un inferno tra virgolette, la rappresentazione di The Vampire Diaries di come potrebbe essere l’inferno. Per me, la “pace” è la rappresentazione di The Vampire Diaries di come potrebbe essere la vita dopo la morte”.

La frase di Matt riferita alla sorella Vicki circa il suo aver trovato la pace e la domanda se ciò è reale oppure è solo ciò che i protagonisti sperano gli aspetti dopo la morte “è aperto alla vostra immaginazione, probabilmente nello stesso modo in cui noi tutti interpretiamo il paradiso. […] Non si tratta della domanda filosofica più difficile posta in televisione, ma è bello porre gentilmente questo interrogativo: cosa significa pace per te?”.

Per esempio, cosa succede quando Alaric si imbatte in Jo e Jenna?! “Oh, Dio sì! Imbarazzante. Un triangolo amoroso nell’aldilà”.

Sembra inoltre che Elena e Damon fossero separati in “pace”… “Puoi porti in prima persona la domanda: la pace è un’esperienza individuale oppure un’energia condivisa? Se il primo momento di Elena di pace è essere riunita con la famiglia che ha perso [quando] è iniziato questo viaggio per lei, forse tutti loro si incontrano al drive-in per dei milkshake con i Salvatore e chiunque altro si trovi nei paraggi, e guardano Scream sul grande schermo. O forse, dopo una vita vissuta in pieno, la pace consiste nel trovare una chiusura con coloro che hanno perso”.

Caroline e Bonnie erano le uniche persone che non abbiamo visto “in pace”. Possiamo presumere che alla fine vi arriveranno anche loro? “. Per noi, due cose erano veramente importanti: che Bonnie vivesse una vita lunga e felice e che Caroline vivesse e portasse avanti l’eredità di tutte le cose buone che voleva fare. L’unica persona così brava nell’essere una vampira adesso aiuta altre persone con i loro problemi soprannaturali. Così Caroline, a mio parere, sarà viva e vegeta per secoli”.

L’inizio di un’altra storia”… | Cosa intendeva Alaric con questa frase pronunciata mentre Caroline leggeva la lettera di Klaus? “Significa un paio di cose, nessuna delle quali è ancora tangibile” dice Plec. È un desiderio, non una promessa, ma io credo che ci siano altre storie da raccontare. Penso che The Originals ha l’opportunità di visitare alcuni di questi personaggi, e credo che ci siano show in futuro che possono nascere da questo mondo e potrebbero raccontare buone storie. È una speranza per il futuro se non altro”.

E proprio quel cameo di Alaric nello spin-off “sarà più in linea con la linea temporale della scena della lettera. Infatti, Alaric è colui che si presenta e dice a Klaus della scuola, l’idea di un rifugio sicuro per giovani creature soprannaturali certamente ha una certa rilevanza per Hope Mikealson”.

E se Joseph Morgan fosse apparso nel series finale? “Sarebbe stata una scena incredibilmente semplice con Caroline alla sua scrivania della sua scuola; il bussare alla porta di un nuovo finanziatore, lei che apre la porta ed è Klaus Mikealson. E lui avrebbe detto “Hello, love” oppure “Hello, Caroline” e sarebbe stato tutto” dice Plec.   [TVLine TVLine]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...