“Shadowhunters 2” post finale: anticipazioni sul prossimo Big Bad, la nuova Clary e molto altro

La seconda stagione di Shadowhunters si è conclusa con un’epica battaglia, un sacrificio celestiale e un assaggio dell’oscurità in agguato proprio dietro l’angolo.

[Contiene SPOILER] Ricapitolando brevemente, Jonathan è sopravvissuto e ha aperto un portale per l’inferno dal quale sono usciti dei demoni che hanno attaccato la città. Fortunatamente, Magnus è riuscito a richiudere il portale mentre Clary e Jace si sono diretti al Lago Lin dove Valentine è riuscito a sconfiggerli uccidendo Jace, evocando l’Angelo e chiedendo la distruzione di tutti i Nascosti.

L’Angelo ha rifiutato dando a Clary l’opportunità di pugnalare suo padre (più di una volta) e di chiedere all’Angelo di riportare Jace indietro dalla morte (cosa che ha accettato di fare).

Alla festa per la vittoria della gang, Izzy e Clary hanno legato al punto di definirsi “sorelle”. Alec si è scusato con Magnus e i due sono (finalmente) tornati insieme, Simon ha accettato con orgoglio di essere il fidanzato di Maia (ed anche il prigioniero segreto della Seelie Queen) e la partner di Luke gli ha rivelato che sa tutto – o per lo meno la parte che lui è un lupo mannaro.

Infine, nella scena conclusiva abbiamo visto Jonathan a terra in una grotta demoniaca; a lui si è avvicinata una raccapricciante donna che lo ha chiamato “figlio”. Continua a leggere

Annunci

“Nashville 5” post finale: l’EP sulla relazione di Avery e Juliette, le chance per la H65 e non solo

L’etichetta discografica per cui Rayna Jaymes ha lavorato duramente sembra essere un po’ allo sbando, ed anche se dovesse sopravvivere, potrebbe perdere una dei suoi artisti di punta.

[Contiene SPOILER] Nonostante quello che è successo, lo showrunner di Nashville, Marshall Herskovitz dice che dovremo considerare il finale della quinta stagione una vittoriaper Juliette.

Lei ha compiuto questo straordinario gesto per riscattare se stessa” dice l’EP a TVLine riferendosi alla scelta di ammettere la verità con la stampa circa la canzone rubata a Maddie e allo stesso tempo mettere in ridicolo Zach con l’aiuto dell’ambigua giornalista Mackenzie Rhodes.

Herskovitz sottolinea come dopo tutto quello che Juliette ha passato nel corso della stagione (l’incidente aereo, la terapia, la religione, il fallimento della sua carriera), lei “ha affrontato così tante difficoltà e ha trovato la forza alla fine di fare la cosa giusta anche a spese della sua carriera. Secondo me questo dimostra una crescita nel personaggio, non importa quanto miserabile Juliette potrebbe sentirsi a questo proposito”. Continua a leggere

“Once Upon A Time 7”: gli EP rispondono alle prime domande sulla stagione

La settima stagione di Once Upon A Time si prospetta come una sorta di “reset” per l’intera serie ed anche se mancano più di due mesi al debutto, Entertainment Weekly ha comunque posto un po’ di domande ai produttori esecutivi Adam Horowitz, Edward Kitsis e David H. Goodman per una nuova edizione di The Hot Seat, dove loro possono rispondere con “”, “no” o “non posso dirlo”.

Entertainment Weekly |Hyperion Heights è invisibile al mondo esterno come lo era Storybrooke?
Horowitz: No.

EW | La maledizione è causata da qualcosa di accaduto in una delle scorse stagioni?
Horowitz:
Non posso dirlo.

EW | Per creare Hyperion Heights è stato schiacciato il cuore di qualcuno?
Kitsis:
Non posso dirlo. Continua a leggere

“The Fosters 5”: anticipazioni sulle prospettive per Callie, la ‘guerra civile’ che ci sarà in casa

È giunto il momento di darti una svegliata, Callie.

La prima della quinta stagione di The Fosters [contiene SPOILER] ha visto l’adolescente di fronte alla sua sfida più grande finora: cercare di scappare da un pericoloso trafficante sessuale. Mentre Callie è riuscita a uscirne illesa, Stef le ha detto chiaramente che se continuerà su tale strada, la prossima volta potrebbe non essere altrettanto fortunata.

Cosa ci vuole perché tu cominci a valorizzare la tua vita?” ha chiesto Stef alla figlia. Queste parole agiranno come una sorta di rivelazione per Callie che comincerà a investire nel suo futuro questa stagione; il produttore esecutivo Peter Paige lo anticipa qui di seguito.

Altrove nell’episodio, Jesus credeva che Brandon e Emma fossero stati insieme, così in un atto di rabbia si è sfogato con la stanza del fratello. Alla fine, Emma è riuscita a convincere il suo fidanzato che non è successo niente, e la coppia si è ricomposta – tuttavia, i loro problemi non sono finiti… Continua a leggere

“Pretty Little Liars”: post series finale con Marlene King

Come si possono concludere sette anni di misteri, segreti e colpi di scena?
Se sei I. Marlene King, la showrunner di Pretty Little Liars ti impegni al massimo e speri per il meglio – consapevole però che non puoi accontentare tutti.

King ammette con TVLine che dopo la messa in onda dell’episodio ha evitato i social media (“perché le persone insoddisfatte si fanno sentire di più rispetto a coloro” a cui l’episodio è piaciuto), abbiamo fatto del nostro meglio e potete vedere quanta cura, attenzione, amore e duro lavoro siano stati messi in quell’episodio – non solo da parte mia, ma dagli attori e dalla troupe. […] Speriamo che le persone facciano un bel respiro e lo assimilino col tempo. Magari lo guarderanno di nuovo!”.

Qui di seguito la produttrice esecutiva ha risposto ad alcune domande rimaste senza risposta nel finale di due ore incluso [attenzione agli SPOILER] quando Wren è morto, perché Aria non può avere figli e ovviamente come le mamme sono scappate dal seminterrato e altro…

Il suo cameo | King è apparsa sullo schermo quasi al termine dell’episodio (quando i cellulari hanno cominciato a suonare al matrimonio di Aria e Ezra) “non so ancora come mi sento in merito. Non l’ho scritto per me, ma qualcuno mi ha suggerito di farlo. Dopo un paio di giorni in cui ho detto no, ho cambiato idea ritenendo che fosse divertente”. Continua a leggere

“iZombie” post finale: Rob Thomas anticipa il grande cambiamento che ci sarà nella 4^ stagione

Benvenuti nel nuovo e coraggioso mondo di iZombie.

[Contiene SPOILER] Il finale della terza stagione del dramma targato CW ha impostato quella che sarà una quarta stagione molto differente con i non-morti allo scoperto.

Ricapitolando brevemente, dopo aver scoperto che una fazione all’interno di Fillmore Graves guidata da Carey Gold era responsabile per la morte di Wally e Vivian, così come dello scoppio dell’influenza Aleutina, Chase Graves ha sparato alla donna uccidendola. Ma era comunque troppo tardi per fermare il piano B di Gold; così Chase ha aggiunto il suo sangue al vaccino per l’influenza e come risultato ogni persona che è stata vaccinata – inclusa l’ex di Clive, Dale Bozzio – ha cominciato a trasformarsi in uno zombie.

Attraverso il notiziario, Chase ha rivelato la verità al mondo, assicurando la popolazione umana che i mangiatori di cervelli di Seattle resteranno buoni fintanto che alcuni morti doneranno i loro cervelli per nutrirli. Continua a leggere

“The Originals”: Michael Narducci sul finale e le sue speranze per la 5^ stagione

La quarta stagione di The Originals non sarebbe potuta finire su una nota più agrodolce.

[Contiene SPOILER] Il piano di Vincent di separare il Vuoto in quattro parti per salvare Hope è stato un successo ma questo ha portato alla divisione dei Mikealson: Hayley ha in effetti iscritto Hope alla scuola per bambini soprannaturali di Alaric e Caroline a Mystic Falls; Elijah, dopo aver chiesto a Vincent di liberarlo dai suoi ricordi, ha cominciato una nuova vita come musicista che Klaus apprezzava da una distanza sicura, un Marcel di nuovo single (scusa, Sofya!) ha sorpreso Rebekah a New York mentre Kol sembrava deciso a chiedere a Davina di sposarlo.

Qui di seguito l’ormai ex showrunner del dramma CW, Michael Narducci parla dei principali eventi dell’episodio e anticipa cosa i fan possono aspettarsi – almeno secondo le sue ipotesi – dalla quinta stagione.

Marcel ha rinunciato a New Orleans? | “Le cose sono mai assolute? C’è mai nessuna speranza per un ritorno? C’era una scena che abbiamo tagliato, che credo sarà inserita nel cofanetto DVD, dove Marcel e Vincent hanno una conversazione. L’abbiamo dovuta tagliare per il tempo e mi è dispiaciuto tantissimo, perché io adoro entrambi gli attori. Praticamente parlavano del perché le streghe si sarebbero unite a il Vuoto e che forse c’erano dei peccati di Marcel ancora da chiarire. Marcel diceva che era forse tempo di un nuovo re, quindi in pratica consegnava le chiavi della città che ama alla persona di cui si fidava di più, e questa persona è Vincent. Era un grande momento. Quindi, io attenderò col fiato sospeso il come gli sceneggiatori risolveranno ciò più avanti”. Continua a leggere

“Reign” post finale: Laurie McCarthy sull’ultima scena di Mary, la storia dietro il ritorno di [spoiler]

Dopo quattro stagioni appassionanti e talvolta sanguinose anche Reign è giunto al suo termine con un episodio ricco di avvenimenti ma che tuttavia ha lasciato alcune trame un po’ incomplete.

[Contiene SPOILER] Ricapitolando brevemente, l’episodio conclusivo del dramma CW non solo ha reclamato la vita di Darnley (per mano di Bothwell), di Jane (per un colpo inferto da Elizabeth) e di Nicole (per della zuppa!) ma ha inoltre messo in moto un salto temporale di 21 anni proprio al giorno della decapitazione di Mary.

La creatrice di Reign, Laurie McCarthy spiega con TVLine che lei ha sempre saputo che la serie si sarebbe conclusa con la morte della Regina di Scozia, indipendentemente da quanto altro della sua storia la serie sarebbe stata in grado di raccontare (a tal proposito è giusto ricordare che la notizia della cancellazione è giunta quando la serie era all’incirca alla metà della produzione della 4^ stagione).

Sin dall’inizio dello show, sapevamo che avremmo incontrato Mary persino prima che lei sposasse il suo primo marito, e la sua vita non finì fino a quando non raggiunse la quarantina ricorda McCarthy. “Quindi ci sarebbe stato un salto temporale in ogni caso. In molti modi, ciò mi ha dato sollievo creativo”. Continua a leggere

“Prison Break” post finale: l’EP sui momenti salienti, le possibilità di un’altra stagione

Michael Scofield è riuscito finalmente ad avere la meglio su Poseidone durante il finale di stagione di Prison Break – ma non senza subire delle perdite.

[Contiene SPOILER] Mentre Michael è stato in grado di re-incastrare Jacob per l’omicidio del Direttore della CIA, ripulendo così il suo nome e facendo arrestare Ness, Sara e Lincoln sono riusciti a salvare Mike. Tuttavia, nello scontro con Poseidone, Whip è stato ucciso e T-Bag arrestato per l’omicidio di A&W.

Alla fine, Michael, Lincoln e Sara hanno ottenuto il loro lieto fine, Jacob ha incontrato un tragico destino a Fox River trovandosi come compagno di cella proprio T-Bag.

Entertainment Weekly ha intervistato il produttore esecutivo della serie, Paul Scheuring per ottenere qualche scoop sul finale e la potenziale sesta stagione.

Il lieto fine per il trio principale | Alla domanda se egli voleva lasciare aperta la porta per altri episodi o perché voleva “correggere” com’è terminata la serie originale, l’EP risponde: “nessuna delle due. Non ho alcuna intenzione di far tornare necessariamente la serie, ma dopo il termine della 4^ stagione, Michael tecnicamente era morto quindi abbiamo sempre saputo che non c’era bisogno del lieto fine solo per riportare le persone indietro. La mia sensazione era che, nel modo in cui termina l’Odissea, con l’uomo che attraversa l’inferno per essere in grado di stare con la sua famiglia come ricompensa, ho ritenuto essere un qualcosa di mai visto in Prison Break. Quindi ho voluto che per tutti, per un momento, si avesse come l’impressione che la vita sia tornata alla normalità, perché non abbiamo mai visto ciò nella serie. Questo mette il pubblico a disagio, il che mi piace e per di più abbiamo avuto un finale leggermente diverso, ma alla fine non è stato girato esattamente come volevamo”. Continua a leggere

“The 100”: Jason Rothenberg sul finale, la [spoiler] di Clarke e altri scoop sulla 5^ stagione

Se avete appena visto il finale della quarta stagione di The 100, probabilmente in mente avete almeno le tre seguenti domande: chi è quella ragazza? Cos’è quell’astronave? E cosa succede ora?

Il produttore esecutivo Jason Rothenberg ha risposto a queste e altre domande, ma prima ricapitoliamo brevemente gli eventi del finale:

[Contiene SPOILER] Dopo una chiacchierata a cuore aperto prima con Bellamy (tramite la radio) e poi con Indra, Octavia finalmente si è fatta avanti come la comandante – con la “c” minuscola stavolta! – del suo popolo.

Al fine di far arrivare i suoi amici nello spazio, Clarke ha sacrificato se stessa rimanendo a terra per far funzionare il satellite di cui Raven aveva bisogno per poter entrare nell’Arca.

Un salto temporale (di 6 anni e 7 giorni per l’esattezza) ha rivelato che Clarke è viva e vegeta sulla Terra ed ha anche un nuovo taglio di capelli! Lei e la sua giovane compagna hanno ancora speranza che un giorno riusciranno a mettersi in contatto con Bellamy e il resto della gang, invece, proprio nei momenti conclusivi dell’episodio hanno ricevuto la visita di una minacciosa astronave.

Per quanto riguarda coloro nel bunker, il loro status collettivo resta un punto interrogativo, anche se il resoconto di Clarke non era granché speranzoso. Continua a leggere

“The Blacklist 4” post finale: Jon Bokenkamp sul legame di Red con Liz, il contenuto della valigia e non solo

Dopo quattro anni di considerazioni, il finale di stagione di The Blacklist ha confermato quello che – siamo onesti – la maggior parte dei fan sospettavano sin dall’inizio circa la vera natura della relazione di Liz Keen con Reddington.

[Contiene SPOILER] Durante il finale, Cooper ha deciso di risolvere tale dibattito una volta per tutte usando un campione di sangue prelevato da una prova vecchia di decenni risalente a prima che Red diventasse un criminale. Il test ha confermato che Red è il padre di Liz…. Ma l’uomo che abbiamo conosciuto nel corso di questi quattro anni è davvero Raymond Reddington?

Liz ha appreso che Red è suo padre, eppure c’è un segreto più grande là fuori che presenta un vero problema” condivide il produttore esecutivo Jon Bokenkamp con Entertainment Weekly, riferendosi alle ossa che Mr. Kaplan ha dissotterrato e sono ora in viaggio verso Liz, con grande disappunto di Red.

Le probabilità sembrano indicare che le ossa appartengono alla (presunta) morta madre di Liz, Katarina, ma Bokenkamp suggerisce che esse potrebbero appartenere anche, per esempio al vero Red, e che questo Red sia qualcun altro. “Questa teoria dell’impostore è quella che alligna tra i nostri fan” dice Bokenkamp. Continua a leggere

“Blindspot” post finale: Martin Gero su cosa aspettarsi nella terza stagione

Il finale della seconda stagione di Blindspot ha fornito una certa chiusura, ma ha anche aperto tutta una serie di nuove questioni

[Contiene SPOILER] Gli sforzi congiunti di Jane, Weller e Patterson sono riusciti a prevenire la catastrofe che Sheperd aveva pianificato e tutti quanti, eroi e cattivi sono sopravvissuti. Mentre Jane ha deciso di restare all’FBI come Kurt gli ha confessato i suoi sentimenti, un flash-forward di due anni nel futuro ha mostrato una Jane lontana da casa, tormentata dal rimpianto – fino a quando non si presenta Weller a chiederle aiuto per salvare Patterson, Reade e Tasha che sono stati rapiti.

Oh, e sembra che Jane e Wellererano sposati e una misteriosa chiave ha rivelato un nuovo strato dei tatuaggi di Jane! Cosa significa tutto questo? Entertainment Weekly lo ha chiesto al produttore esecutivo Martin Gero.

Quel salto temporale | “Jane ovviamente è fuggita via. Weller l’ha cercata e non sapeva esattamente cos’era successo. Nel primo episodio della terza stagione probabilmente riprenderemo da lì, quindi non voglio dire troppo, ma ci arriveremo” dice l’EP. In pratica, “sono gli stessi vecchi personaggi che conosciamo e amiamo, ma adesso hanno delle cose di cui noi non sappiamo niente”. Continua a leggere

“Agents Of S.H.I.E.L.D. 4” post finale: gli EP parlano di cosa è accaduto a Coulson e non solo

Il finale della quarta stagione di Marvel’s Agents Of S.H.I.E.L.D. si è spinto fuori da questo mondo… letteralmente.

[Contiene SPOILER] Ricapitolando brevemente, al fine di fermare Aida, Coulson ha preso il potere di Ghost Rider e l’ha uccisa. Ma le conseguenze di questa sua azione restano da vedere. Altrove, invece di lasciare che la colpa per la creazione di LMD ricadesse su Fitz, lo S.H.I.E.L.D. ha deciso di assumersi tale responsabilità e tutti i suoi membri sono stati arrestati da quello che sembrava il governo… ma dato che Coulson si è risvegliato nello spazio, sembra esserci qualcos’altro dietro tutta la faccenda.

Entertainment Weekly ha intervistato i produttori esecutivi della serie ovvero Jed Whedon, Maurissa Tancharoen e Jeffrey Bell sul finale di stagione e su cosa possiamo aspettarci dai prossimi episodi, ecco un estratto delle loro dichiarazioni.

Coulson | I produttori non confermano se Phil si trova da solo nello spazio o se c’è anche il resto del team, tuttavia “sembra molto risoluto in questo nuovo luogo, qualunque esso sia” dice Tancharoen. “Lui è dell’idea ‘ok, questo è ciò che mi aspetta, ciò con cui devo avere a che fare. È tempo di tornare al lavoro’. Questo è lui in poche parole. ‘Ok, questo è strano, o è terribile’”… “Ma è sempre normale” aggiungono Bell e Whedon. Continua a leggere

“Riverdale” post finale: l’EP sul cliffhanger, un Archie più oscuro nella seconda stagione e non solo

Fan di Riverdale, questa sarà un’estate crudele.

Dopo la risoluzione dell’omicidio di Jason Blossom nell’episodio della scorsa settimana, [contiene SPOILER] il finale della prima stagione del dramma CW ha riservato alcuni colpi di scena: una Cheryl dalle tendenze omicide si è immersa nel fiume ghiacciato – dove è stata salvata da Archie – per poi dare alle fiamme Thorn Hill, la residenza di famiglia dei Blossom. Betty e Jughead si sono detti “ti amo”, ma lui ha anche cambiato scuola ed è entrato nei Southside Serpents; Archie e Veronica hanno fatto sesso e poi, durante una rapina a mano armata da Pop’s, qualcuno ha sparato a Fred lasciandolo a lottare per la vita tra le braccia del figlio Archie.

Qui di seguito lo showrunner Roberto Aguirre-Sacasa, che ha scritto il finale, parla di come Archie diventerà più oscuro nella seconda stagione, di cosa significherà per lui e Veronica l’arrivo di Hiram Lodge e non solo.

Il destino di Archie | Aguirre-Sacasa non rivela cosa accadrà al personaggio di Luke Perry, se Fred morirà o vivrà, ma questo incidente sicuramente influenzerà Archie; “questo sarà un momento galvanizzante per lui, lo porterà sul suo vero cammino, verso l’eroismo alla fine, ma anzitutto sarà un luogo più oscuro di quanto visto finora con lui. Lontani saranno i giorni in cui le sue preoccupazioni erano “la musica o il football? Betty o Veronica?”. Sarà un Archie che vedrà le sue peggiori paure avverarsi”. Continua a leggere

“iZombie 3”: anticipazioni sul “vecchio” Blaine, il futuro romantico di Major e Liv e altro

Nell’ultimo episodio di iZombie, sono trapelati dettagli molto interessanti circa la cura ma soprattutto circa i suoi effetti

[Contiene SPOILER] Blaine ha confessato a Peyton di aver riacquisto la memoria pochi giorni dopo aver preso la seconda cura ed ha finto la sua amnesia nel periodo successivo.
Ti sei preso gioco di me” gli ha detto lei sottolineando che i suoi amici potevano essere umani da mesi ormai.

Ma concentriamoci sul presente: Major è umano ora, con tutti i suoi ricordi intatti, e Liv vuole unirsi a lui nel mondo dei non più non-morti. Sfortunatamente, qualcuno ha rubato le restanti dosi della cura di Ravi, e l’unica cura restante è al momento in possesso di Natalie.

Qui di seguito il produttore esecutivo del dramma CW, Rob Thomas anticipa il ritorno del lato malvagio di Blaine, lo status della relazione dei due ex e la “divertente” sfida che attende l’umano Major.

Blaine | Dopo aver perso Peyton “lui è arrabbiato e torna ai suoi vecchi modi, anche se le cose non andranno subito a migliorare per Blaine, c’è ancora della miseria ad attenderlo. Ma presto, vedremo il Blaine che tutti noi conosciamo e amiamo: l’originale cattivo Blaine anticipa Thomas. Continua a leggere

“The Blacklist 4”: anticipazioni sul nuovo nemico di Red, i suoi piani e non solo

La vera mente dietro lo smantellamento dell’impero di Red è stata rivelata nei due episodi di The Blacklist trasmessi ieri sera oltreoceano.

[Contiene SPOILER] Anche se inizialmente sembrava che fosse stato Dembe a tradire Red, era in realtà Mr. Kaplan a tramare contro il suo ex datore di lavoro. Nella seconda ora è stato rivelato inoltre che Kate prima di diventare una pulitrice per Reddington lavorava per Katarina Rostova come tutrice di Masha, alias Liz Keen.

In seguito, Red ha arruolato l’aiuto di Kaplan per proteggere Liz e lei ha giurato di mettere sempre Masha al primo posto (motivo per cui la scorsa ha aiutato Liz a inscenare la sua morte la scorsa stagione). Cosa succederà nei prossimi episodi? Ecco cosa ha rivelato il produttore esecutivo Jon Bokenkamp a Entertainment Weekly.

La trama di Kaplan con Katarina e Masha non era stata decisa fin dall’inizio ma “si percepisce molto naturale mentre esploriamo il panorama e il contesto della serie” afferma l’EP. Madre e figlia erano “probabilmente le cose più vicine che lei aveva come famiglia. È un po’ un lupo solitario e ha fatto voto di proteggerla diventando così parte della famiglia”. Continua a leggere

“Once Upon A Time 6B”: Hot Seat di Aprile

Con l’arrivo di Black Fairy a Storybrooke e la Battaglia Finale incombente, EW ha deciso essere tempo di una nuova The Hot Seat, la rubrica dove i produttori esecutivi di Once Upon A Time, Adam Horowitz e Edward Kitsis hanno la possibilità di rispondere alle domande dei fan con “”, “no” o “non posso dirlo”.

Entertainment Weekly | Snow e Charming spezzeranno la maledizione del sonno insieme, oppure sarà qualcun altro a farlo?
Horowitz:
Non posso dirlo.

EW | Scopriremo perché Black Fairy non ha scatenato la Maledizione Oscura in prima persona?
Kitsis:
Sì.

EW | È ancora rilevante il fatto che Regina non fosse nella visione di Emma?
Kitsis
: Non posso dirlo.

EW | Regina ha subito alcuni cambiamenti da quando ha accettato la parte buona e quella cattiva di se stessa, tipo cambiamenti nella sua magia?
Horowitz: Direi che ha subito dei cambiamenti nel senso che è cresciuta come essere umano da allora. Continua a leggere

“Grimm”: gli EP sugli eventi principali del finale di serie

Il series finale di Grimm doveva portare qualcosa di ancora più grande rispetto al come si sono concluse le precedenti stagioni del dramma NBC – spiegano i produttori esecutivi James Kouf e David Greenwalt. E quindi, cosa si sono inventati?

[Contiene SPOILER] Beh, loro hanno ucciso tutti, naturalmente.

Con tutti si intende gli amici (e non) di Nick, ovvero Renard, Adalind, Rosalee, Monroe e Trubel i quali sono morti in una veloce sequenza nell’episodio trasmesso oltreoceano ieri sera. Dopodiché, nel momento in cui il Grimm stava per arrendersi e consegnare il bastone al Zerstörer (in cambio dei suoi amici), sua madre Kelly e sua zia Marie hanno fatto il loro ritorno per aiutare lui e Trubel a sconfiggere il diavolo.

Tutti eccetto Nick | Anche se dopo questa realtà si è rinvertita, sono tutti morti tranne Nick perché “questa è la logica di ciò” dice Kouf ovvero il “male più grande” doveva convincere Nick “che valeva la pena consegnarli [il bastone] così che lui potesse distruggere il mondo” togliendo al detective tutti i suoi cari e spostandosi “nello spazio emotivo” aggiunge Greenwalt sottolineando che in questo modo hanno realizzato “il nostro finale più grande in assoluto”. Continua a leggere

“TVD” post finale: Julie Plec sull’aldilà, la morte di [spoiler], la menzione di The Originals e non solo

L’esatta definizione di “morte” è cambiata nel corso di otto stagioni di The Vampire Diaries e nel finale di serie in onda oltreoceano ieri sera, ha assunto un ulteriore significato.

[Contiene SPOILER] Come avrete appreso guardando l’episodio, la grande morte che ci era stata anticipata nelle settimana scorse era quella di Stefan Salvatore, il quale si è sacrificato per far tornare Katherine all’inferno e salvare Mystic Falls.

Qui di seguito la produttrice esecutiva Julie Plec spiega il processo dietro la morte di Stefan, cosa paradiso (o “pace”) significhi nel mondo di The Vampire Diaries e menziona la possibilità che ancora altre storie possano essere raccontate.

Perché qualcuno doveva morire? | “È una lezione che ho imparato presto da Kevin Williamson; questo genere di storie devono avere come posta in gioco la questione di vita o di morte, e nessuno crederà a tale pericolo di morte se non muore effettivamente qualcuno. È una lezione dalla quale mi sono presa delle libertà nel corso degli anni – anche in questo finale, dal momento che vediamo [Stefan] in pace dopo la sua morte ma è veritiero quando compi grandi mosse, porti i personaggi a chiudere il cerchio e trovi una chiusura per tutti. Le chiusure arrivano tanto nel dire addio che nell’andare avanti. È stato necessario”. Continua a leggere

“Shadowhunters”: anticipazioni sul momento Malec, la scoperta di Jace e altri scoop sulla 2B

Nel midseason finale di Shadowhunters sono state rivelate una serie di notizie senza esclusione di colpi per nessuno dei personaggi o delle coppie preferite dei fan.

[Contiene SPOILER] Ricapitolando brevemente, Valentine ha rivelato a Jace che lui non è il fratello di Clary, Simon ha acquisito l’abilità di camminare al sole, Alec e Magnus si sono dichiarati il loro reciproco amore, Izzy ha realizzato l’errore della sua dipendenza e nei momento finali dell’episodio, una misteriosa figura ha rubato la Spada dell’Anima!

Qui di seguito gli showrunner del dramma targato Freeform, Darren Swimmer e Todd Slavkin hanno sia discusso dei principali eventi del midseason finale che anticipato cosa possiamo aspettarci dalla seconda metà della stagione al ritorno oltreoceano Lunedì 5 Giugno.

Madzie | La dolce bambina si è rivelata uno dei personaggi più spaventosi della serie, “il concetto è che lei sta facendo tutto questo per ricongiungersi con la sua nonna – gli sforzi che un bambino è disposto a fare per una figura materna – era [un aspetto] interessante per noi”. In più il fatto che Valentine abbia manipolato Madzie per ottenere quello che voleva, “era super raccapricciante” dicono i produttori facendo riferimento al film The Owen. “Ma lei ha salvato la vita di Alex questa settimana. Loro hanno avuto un bel momento quando si sono conosciuti, e lei si ricordava di lui. Se tu sei gentile con Madzie, lei se lo ricorda”. Continua a leggere