“Jack Reacher”: una serie TV è in fase di sviluppo

I libri di Jack Reacher, che sono già stati trasformati in un franchising cinematografico con protagonista Tom Cruise, sono diretti verso il piccolo schermo con un nuova serie televisiva in sviluppo.

L’autore stesso Lee Child ha dato la notizia spiegando che c’è un accordo in atto con i produttori Skydance Television e Paramount Television per una serie di Jack Reacher. Questo accordo segna quindi la fine dei film con Cruise; l’attore non reciterà nella potenziale serie.

Nell’originale Jack Reacher, il protagonista è un veterano dell’esercito degli Stati Uniti che lavora come detective su commissione.

Cruise ha recitato in due film: Jack Reacher, uscito nel 2012 e il sequel Jack Reacher: Never Go Back del 2016. Tuttavia nei libri, Reacher è descritto come più massiccio e imponente fisicamente e Child ha notato che Cruise, “per tutto il suo talento, non ha tale fisicità”. Per la serie quindi, cercano qualcuno che corrisponda di più alla descrizione di Reacher nei libri.
Prova a fermarmi: Le avventure di Jack Reacher

Per il momento nessuna rete o servizio streaming è legato al progetto ma Child ha detto di essere indirizzato verso Netflix o outlet dal format analogo.  [TVLine]

Annunci

“Game Of Thrones 8”: HBO ha confermato il mese del debutto

Ancora una volta Arya Stark ci aveva visto giusto.

HBO ha annunciato che l’ottava e ultima stagione di Game Of Thrones debutterà ad Aprile 2019 – proprio come Maisie Williams disse in un’intervista… lo scorso gennaio!

Il trono di spade. Libro primo delle Cronache del ghiaccio e del fuoco. Ediz. lusso: 1
Il network ha anche rilasciato un nuovo teaser che però include solo materiale riciclato dalle scorse stagioni.

Il tweet dell’account ufficiale della serie ha lanciato l’hashtag #ForTheThrone ricordando che “ogni battaglia‚ tradimento‚ rischio, lotta, sacrificio e morte” sono avvenuti “per il trono”.   [TVLine]

People’s Choice Awards 2018: tutti i vincitori della TV

Il popolo ancora una volta ha incoronato i suoi idoli del piccolo schermo.

Nella serata di domenica si è tenuta la cerimonia di premiazione dei People’s Choice Awards 2018 che anzitutto hanno rimarcato l’affetto del pubblico per il dramma cancellato troppo presto da Freeform, Shadowhunter e per grandi nomi come 13 Reasons Why, Riverdale, The Big Bang Theory e Law & Order: SVU.

Senza troppi indugi, ecco tutti i vincitori e le vincitrici…

LO SHOW DEL 2018
13 Reasons Why
The Big Bang Theory
Grey’s Anatomy
Shadowhunters
This Is Us

LA SERIE DRAMMATICA DEL 2018
13 Reasons Why
Grey’s Anatomy
The Handmaid’s Tale
Riverdale
This Is Us Continua a leggere

“Dynasty 2”: anche [spoiler] è uscito di scena

A pochi mesi di distanza dall’addio di Nathalie Kelley come (“l’originale”) Cristal, un altro attore ha lasciato – o forse dovremo dire è stato licenziato – dal dramma targato CW.

James Mackay, che ha interpretato Steven Carrington nel reboot sin dal suo lancio nell’Ottobre 2017, non sarà più un membro fisso del cast, un rappresentante della rete lo ha confermato a TVLine. Egli apparirà in un numero ridotto di episodi, ma tornerà più avanti nel corso della seconda stagione.

Mackay stesso ha rivelato su Instagram tale cambiamento scrivendo: “c’è un nuovo episodio di #Dynasty stasera, tuttavia, mi spiace dirlo sarà senza il sottoscritto” ha scritto l’attore nella giornata di ieri. Mentre Steven ha scelto di andarsene, sfortunatamente io non l’ho fatto. Ci sono tante decisioni che coinvolgono fare televisione e talvolta non vanno come vorresti e devi conviverci. Quindi per adesso, tanto amore e andiamo avanti. Spero che vi godiate lo show”.

Nell’episodio in onda oltreoceano la scorsa settimana Steven progettava di tornare in Paraguay, dove stava svolgendo un importante lavoro di beneficienza – e adesso sembra che il suo viaggio si sia prolungato e parecchio. Sammy Jo si è riferito al marito assente nell’ultima puntata spiegando: “usiamo FaceTime, ma non è la stessa cosa”. Il nome di Mackay non era nemmeno presente nei titoli di testa.

“Orange Is The New Black”: i produttori pensano già al potenziale sequel

Forse non diremo addio alle signore del Litchfield dopo tutto: a seguito dell’annuncio che Orange Is the New Black terminerà il prossimo anno su Netflix, sono già in corso delle discussioni per la potenziale serie sequel.

Il capo di Lionsgate TV Group, Kevin Beggs ha spiegato: “ne stiamo già discutendo e quando sarà il momento giusto, parleremo ancora con [la creatrice] Jenji [Kohan] circa un potenziale sequel”. Fonti aggiungono che tali conversazioni tra Lionsgate TV (che produce OITNB) e Kohan sono già iniziate, ma per adesso non c’è nulla di concreto.

Il colosso dello streaming ha annunciato il mese scorso che la settima stagione della dramedy trionfatrice egli Emmy sarà l’ultima e verrà rilasciata nel 2019. Per il momento non è noto se anche il potenziale sequel sarà targato Netflix, ma è molto probabile dato che Kohan un contratto a lungo termine con la compagnia ed è anche produttrice esecutiva di GLOW.  [TVLine]

“Charmed”, “Legacies” e “All American”: CW ha ordinato le stagioni complete

Tutta la classe di matricole di CW è entrata nell’albo d’onore: la rete ha conferito le stagioni complete a Charmed, Legacies e All American.

La prima stagione del reboot di Charmed ha ricevuto nove episodi in più per un totale di 22, mentre il dramma sul football All American e lo spin-off di The Vampire Diaries e The Originals, Legacies hanno ottenuto tre episodi extra per un totale di 16.

Tenendo conto degli ascolti, Charmed in media totalizza 1.25 milioni di telespettatori totali e un rating di 0.4 (ma considerando le varie riproduzione questi numeri più che raddoppiano). All American in media si attesta sui 780.000 telespettatori/0.3 dopo un debole lancio (con le varie riproduzione guadagna più del 50 per cento). Infine, Legacies ha debuttato con 1.1 milioni/0.3, guadagnando quasi un decimo la settimana successiva.   [TVLine]

“The 4400”: CW sta valutando il reboot

La rete CW è particolarmente determinata a seguire questa nuova moda.

Il network che ha già “reinventato” Charmed, Dynasty e prossimamente Roswell, New Mexico, sta sviluppando un reboot del dramma di fantascienza The 4400.

L’originale 4400 – che vedeva protagonisti Joel Gretsch, Jacqueline McKenzie e Mahershala Ali – è durato 4 stagioni (per un totale di 44 episodi) ed è stato trasmesso da USA Network dal 2004 al 2007.

La sinossi del reboot dice: “nel corso della sua storia recente, 4400 giovani adulti sono scomparsi in tutto il mondo – alcune scomparse sono avvenute di recente mentre altre risalgono al giorno in cui i sovietici lanciarono il satellite Sputnik nel 1957. Un giorno nel 2019, tutti i 4400 si presentano nei siti dei loro rapimenti originali. Nessuno di loro è invecchiato nemmeno di un giorno e non ricorda cosa gli sia accaduto. I cosiddetti “4400” al loro ritorno si ritrovano alle prese con un mondo diverso e ostile… e devono anche vedersela con la realtà che sono tornati alterati in modi che nessuno di loro ancora comprende”.
4400: Boxset Stagioni 1-4 (14 DVD)

Il nuovo 4400 è co-sceneggiato da Craig Sweeny (Elementary) e Taylor Elmore (Justified), che precedentemente hanno lavorato insieme nel dramma di breve durata Limitless. Sweeny però ha lavorato anche nella serie originale.   [TVLine]

“Reverie” cancellato da NBC dopo una sola stagione

Gli incubi dei fan di Reverie sono diventati reali: la rete NBC ha cancellato il thriller sulla realtà virtuale con protagonista Sarah Shahi (Person Of Interest) dopo una stagione.

Reverie oltreoceano ha debuttato lo scorso maggio con 2.9 milioni di telespettatori totali e un rating di 0.6, attestandosi però su una media di 2 milioni/0.4 per i suoi dieci episodi.

Tra le varie serie in onda questa estate Reverie si è piazzato al quarto posto (dietro Marlon, Shades of Blue e Elementary), facendo meglio anche della 2^ stagione di Salvation.

Oltre a Shahi del cast facevano parte anche Dennis Haysbert, Sendhil Ramamurthy, Jessica Lu e Kathryn Morris.  [TVLine]

“Good Behavior” cancellato dopo 2 stagioni da TNT

La lista di Good Behavior di Letty e Javier è giunta alla fine sfortunatamente.

Il dramma criminale targato TNT non tornerà per la terza stagione, lo ha annunciato il creatore Chad Hodge su Instagram.

Ho sempre detto che potrei scrivere 500 episodi su Letty e Javier” ha scritto Hodge. “La loro relazione e il loro posto nel mondo vivono al limite di qualcosa di unico e bellissimo e sono più fiero di aver creato la loro storia di qualunque cosa nella mia carriera televisiva finora. L’esperienza di realizzare Good Behavior è stata la migliore della mia carriera”.
Good Behavior – Stagione 01 (2 Blu-Ray)

Nel suo messaggio Hodge ha ringraziato tutte le persone che hanno lavorato alla serie e suggerito che quello in onda oltreoceano lo scorso 17 Dicembre “non è la fine. Solo sapere che Letty e Javier sono là fuori da qualche parte… a vivere al meglio le loro vite (eh probabilmente no lol). Ma sono vivi. La loro storia continua. Anche se per adesso, come direbbe Letty… BYE”. Continua a leggere

“The Rookie”: ABC ha ordinato la stagione completa

L’inteso allenamento di Nathan Fillion continuerà per tutto il nuovo anno: la rete ABC ha deciso di ordinare la stagione completa di The Rookie.

Il network ha ordinato sette episodi aggiuntivi del procedurale portando il totale della prima stagione a venti episodi.

Castle (serie completa) Stagione 01
The Rookie oltreoceano ha debuttato lo scorso mese con 5.4 milioni di telespettatori totali e un rating di 1.0 stabilizzandosi nelle settimane successive a 4.5 milioni/0.8. Facendo un paragone con i numeri del “predecessore” Kevin (Probably) Saves the World di un anno fa, essi aumentano del 39 per cento nell’audience e del 5 per cento nel rating.   [TVLine]

“The Walking Dead”: AMC ha ordinato 3 film con Andrew Lincoln

L’ultimo episodio di Andrew Lincoln in The Walking Dead non è terminato a caso con Rick che si fa un pisolino post-apocalittico – e per una buona ragione: AMC ha annunciato di aver ordinato tre film con Lincoln che “continueranno la storia di Rick Grimes”.

In un’intervista a The Talking Dead in onda subito dopo la quinta puntata della 9^ stagione, il produttore esecutivo Scott Gimple – che scriverà i film incentrati su Grimes – ha spiegato che essi “espanderanno l’universo” e “mostreranno un angolo completamente diverso”.
(Essi consentiranno inoltre al britannico Lincoln di trascorrere più tempo con la famiglia; gira voce che le riprese si svolgeranno in Europa).

Non è l’inizio della fine, è la fine dell’inizio” ha detto Lincoln in un’intervista preregistrata per il talk show. “E mi piace l’idea di raccontare una storia più grande, magari con una panoramica più ampia. Sono sempre stato interessato in quello che sta succedendo là fuori, sapete, se c’è o no contatto con il resto del mondo. Suppongo di poter accennare a ciò in una storia contenuta, per me è una proposta molto eccitante… Forse è l’inizio di una storia più grande”.
FunKo 4451-PDQ Pocket Pop! Keychain The Walking Dead Rick Grimes

La produzione del primo di questi film comincerà nel 2019.   [TVLine]

“Divorce” rinnovato per la 3^ stagione da HBO

Il dramma con Sarah Jessica Parker non terminerà in tempi breve: HBO ha rinnovato Divorce per la terza stagione che consisterà in sei episodi.

Liz Tuccillo (Sex and the City) prenderà le redini come showrunner e sarà anche produttrice esecutiva.

Oltre a Parker del cast fanno parte anche Thomas Haden Church, Molly Shannon, Tracy Letts e Becki Newton che si è unita al cast la scorsa stagione; la rete via cavo conferma che Newton tornerà in qualità di membro fisso del cast.

Le riprese dei nuovi episodi cominceranno all’inizio del nuovo anno.   [TVLine]

“Penny Dreadful”: Showtime ha ordinato il nuovo capitolo ‘City Of Angels’

Penny Dreadful risorgerà (o quasi) presso Showtime.

La rete via cavo ha ordinato Penny Dreadful: City of Angels, il seguito della serie gotica cancellata dopo tre stagioni. Il dramma sarà ambientato negli anni ‘30 e viene descritto come il “prossimo capitolo” del franchising.

Lo show “discendente spirituale” dell’originale presenterà tutti personaggi nuovi. La storia si svolge nel 1938 a Los Angeles, “un periodo e un luogo profondamente infusi di folklore messicano-americano e tensioni sociali” secondo la sinossi ufficiale.

Radicata nel conflitto tra personaggi legati alla divinità Santa Muerte e altri alleati con il Diavolo”, la serie “esplorerà un entusiasmante mix del soprannaturale e della realtà irascibile dell’epoca, creando nuovi miti dell’occulto e dilemmi morali all’interno di un contesto storico autentico”.
Penny Dreadful: Stagioni 1-3 (12 DVD)

Il creatore di Penny Dreadful, John Logan sarà showrunner e produttore esecutivo della nuova serie assieme a Michael Aguilar (Kidding). Le riprese di Penny Dreadful: City of Angels cominceranno nel 2019.   [TVLine]

Marvel sta sviluppando una miniserie con Falcon e Winter Soldier per il servizio streaming di Disney

Un paio dei Vendicatori si uniranno per combattere nel piccolo schermo: Marvel sta sviluppando una miniserie sui supereroi Falcon e Winter Soldier per il servizio streaming di Disney.

Il co-produttore esecutivo di Empire, Malcolm Spellman è stato assunto per scrivere la sceneggiatura del potenziale show che farebbe parte delle precedentemente annunciate serie indipendenti targate Marvel per il nuovo progetto streaming di Disney (ancora senza nome né data di lancio) il quale include anche serie incentrate su Loki (Tom Hiddleston) e Scarlet Witch (Elizabeth Olsen).

Nel grande schermo Falcon è interpretato da Anthony Mackie mentre Sebastian Stan dà il volto a Soldato d’Inverno alias Bucky Barnes. Per il momento non è chiaro se i due attori riprenderanno tali ruoli nella serie, ma potrebbe essere questo il caso dato che Hiddleston e Olsen – secondo quanto viene riportato finora – torneranno nei panni dei loro personaggi nelle rispettive serie.   Avengers – Infinity War

Anche se tutto questo è molto lontano, vale la pena notare che Netflix di recente ha cancellato due serie di Marvel (Luke Cage e Iron Fist) e ciò potrebbe essere un segnale che tutti i futuri contenuti televisivi di Marvel saranno destinati al servizio streaming di Disney.   [TVLine]

“Veronica Mars”: Ryan Hansen tornerà per il revival

L’eterno tipo da confraternita non mancherà all’appello nella serie evento limitata di Veronica Mars.

Ryan Hansen ha firmato ufficialmente per riprendere i panni di Dick Casablancas nel revival in otto episodi targato Hulu.

La pseudo-quarta stagione troverà l’investigatrice titolare sulla tracce di un serial killer che terrorizza la cittadina di Neptune durante le vacanze di primavera.

Veronica Mars s1 – s3 + Movie – Exclusiva Amazon (19 DVD)
Hansen – che è stato protagonista della web series in otto episodi targata CW Seed, Play It Again, Dick nel 2015 – è il settimo veterano della serie ad essersi unito formalmente al revival dopo Kristen Bell, Enrico Colantoni (Keith) Jason Dohring (Logan), Percy Daggs III (Wallace Fennel), Francis Capra (Weevil) e David Starzyk (Richard Casablancas). Il debutto è atteso nella primavera del 2019.   [TVLine]

“Runaways” e “Cloak & Dagger”: crossover in arrivo?

Allerta crossover! E questo (probabilmente) non è uno scherzo…

Con la seconda stagione di Marvel’s Runaways proprio dietro l’angolo (la serie tornerà il 21 Dicembre), i fan continuano a porsi la domanda sempre presente riguardante tutti i progetti a firma: ci saranno dei crossover e con chi?

Beh, secondo il capo di Marvel TV, Jeph Loeb, un crossover per i sei ragazzi in fuga potrebbe essere molto vicino!

“[Runaways] può far riferimento al resto del mondo, ma resta fedele ai teenager – loro non sono interessati a cosa fa Tony Stark questa settimana o a cosa fa Matt Murdock questa settimana, ma forse sono interessati a un paio di ragazzi che vivono a New Orleans e al cosa sta succedendo là” ha detto recentemente Loeb.

Egli si riferisce ovviamente a Marvel’s Cloak & Dagger, la serie che segue le vicende di Tandy Bowen e Tyrone Johnson, due adolescenti provenienti da contesti molti diversi di New Orleans che acquisiscono dei superpoteri a causa di un incidente petrolifero. Cloak & Dagger attualmente va in onda su Freeform mentre Runaways è in streaming su Hulu, ma Marvel non conosce limiti quando si tratta di crossover e cameo.
FunKo 32670 Pop Bobble: Marvel: Runaways: Chase, Multi

Questo significa che i Runaways correranno fino a New Orleans questa stagione? Oppure Tandy e Tyrone faranno visita a Los Angeles? Qualunque sia il caso, se l’evasivo Jeph Loeb suggerisce che qualcosa bolle in pentola, di sicuro è così.   [TV Guide]

“A Million Little Things”: ABC ha ordinato la stagione completa

Il cast e i fan di A Million Little Things hanno un milione di piccoli motivi per festeggiare questo fine settimana: la rete ABC ha esteso il numero di episodi per la prima stagione del nuovo dramma.

Il network ha ordinato quattro episodi aggiuntivi per un totale di 17.

La serie segue le vicende di tre amici – interpretati da Roday (Psych), David Giuntoli (Grimm) e Romany Malco (Weeds) – i quali cominciano a rivalutare le loro vite dopo che un loro caro amico si suicida senza alcun preavviso. Del cast fanno parte anche Grace Park, Allison Miller, Christina Moses, Stephanie Szostak e Christina Ochoa.

A Million Little Things oltreoceano ha debuttato lo scorso mese con 5.1 milioni di telespettatori e un rating di 1.1; nelle settimane successive i numeri sono scesi sui 3.6 milioni e 0.8 alla pari col predecessore Designated Survivor (che però è stato cancellato dopo due stagioni – e salvato in seguito da Netflix).   [TVLine]

“A Million Little Things”: ABC ha ordinato tre copioni extra

La rete ABC sta offrendo un voto di fiducia a tre delle sue nuove serie televisive: il network ha ordinato tre copioni aggiuntivi per A Million Little Things, The Rookie e The Kids Are Alright, così come per la seconda stagione della sitcom Splitting Up Together.

Il dramma A Million Little Things – che conta nel suo cast James Roday, David Giuntoli e Romany Malco – ha debuttato lo scorso mese oltreoceano con poco più di 5 milioni di telespettatori totali e un rating di 1.1 nel dato chiave fascia demografica 18-49 anni.

The Rookie, il procedurale con protagonista Nathan Fillion ha ottenuto 5.4 milioni/1.0 al suo lancio la settimana scorsa mentre le comedy famigliare anni ‘70 con Michael Cudlitz e Mary McCormack, The Kids Are Alright è cominciata con 6.5 milioni/1.4. Splitting Up Together è tornato la scorsa settimana totalizzando 3.3 milioni/0.9.   [TVLine]

“TWD 9”: quale sarà l’ultimo episodio di Rick?

L’ultimo episodio di The Walking Dead con Rick Grimes non è affatto lontano.

L’account Twitter ufficiale dei fumetti di TWD ha confermato che la corsa finale del personaggio interpretato da Andrew Lincoln sarà… nel quinto episodio della nona stagione che oltreoceano andrà in onda Domenica 4 Novembre.

Era abbastanza ovvio che si sarebbe trattato del quinto episodio quando sono trapelato i primi dettagli della puntata che si intitola “What Comes After” (ovvero “cosa succede dopo”), è stata diretta dal produttore esecutivo Greg Nicotero (che dirige episodi importanti come prime e finali) e scritto niente meno che dall’EP Matthew Negrete e dall’ex showrunner Scott Gimple.
Mcfarlane Toys The Walking Dead TV 10″ Rick Grimes Vigilante Edition Deluxe Figura

L’episodio sarà inoltre caratterizzato dalle apparizioni degli ex membri del cast Jon Bernthal (Shane), Sonequa Martin-Green (Sasha) e il defunto Scott Wilson (Hershel). Continua a leggere

“Luke Cage” cancellato da Netflix dopo due stagioni

Netflix ha optato per prendere le distanze da un altro supereroe: il servizio streaming ha cancellato Marvel’s Luke Cage dopo due stagioni – e dopo una solo settimana dalla cancellazione di Marvel’s Iron Fist.

Sfortunatamente, Marvel’s Luke Cage non tornerà per una terza stagione” hanno fatto sapere Marvel e Netflix in un comunicato. “Tutti a Marvel Television e Netflix ringraziamo il dedicato showrunner, gli sceneggiatori, i membri del cast e della troupe che hanno portato l’eroe di Harlem in vita per le due passate stagioni e tutti i fan che hanno sostenuto la serie”.

La seconda stagione di Luke Cage è stata rilasciata da Netflix lo scorso giugno. Secondo le fonti, lo showrunner Cheo Hodari Coker e gli scrittori stavano già lavorando alla sceneggiatura della 3^ stagione, ma le differenze creative tra il colosso dello streaming e il gruppo dietro la serie hanno portato la corsa dell’eroe alla sua fine.

FunKo 11098 – POP Vinile Jessica Jones Luke Cage
Mike Colter ha debuttato nei panni di Luke Cage nella prima stagione di Jessica Jones prima di avere la sua serie. L’attore ha poi ripreso il ruolo del supereroe a prova di proiettile nella miniserie evento The Defenders. Luke Cage si ferma a quota 26 episodi, adesso restano solo tre serie a firma Marvel su Netflix: Jessica Jones (rinnovato per la 3^ stagione), The Punisher (rinnovato per la 2^ stagione) e Daredevil, la cui terza stagione è disponibile da ieri.   [TVLine]